COME FARSI INVITARE NEI LOCALI LATINO AMERICANI

 

Conoscete quella storiella che circola sul web? Il principiante: non sa nulla. L’intermedio: pensa di sapere tutto, troppo bravo per ballare con una principiante. L’affermato: troppo bravo per ballare con chiunque. L’avanzato: balla tutto, specialmente con i principianti  …. Ecco, è verissima!

Ai ballerini molto esperti piace confrontarsi con donne che hanno meno esperienza, penso abbia a che vedere con il fatto che in quel modo possono testare la loro capacità di guida in modo più attendibile che non con una esperta.

Un mio insegnante di Tango, il grandissimo, Luis Castro, confermava questa teoria. Aveva addirittura codificato questo concetto:

“Non esco dal locale se non ho fatto almeno un ballo con una ballerina che apparentemente può mettermi in difficoltà: perché principiante, o perché molto più alta ecc …”.

Questo per dire, care ragazze, che anche se siete inesperte non dovete avere nessun timore reverenziale nei confronti dei molto bravi, sono gli scarsi quelli che se la menano.

Detto questo, una delle cose che mi è sempre piaciuta del ballo sociale è che puoi essere magra, grassa, alta, bassa, anziana o giovane e – se sai ballare proprio bene – non ti mancherà mai un partner e un invito in pista.

Altolà, ragazze! Prima di insorgere con le vostre obiezioni lasciatemi argomentare ma sopratutto potervi dare i miei migliori consiglii per evitare di rimanere sedute durante un’intera serata.

CONSIGLIO NUMERO 1: ASCOLTATE

Non intendo l’ascolto con le orecchie ma quello con il corpo. La lezione più importante che potete imparare dal ballo è quella di quietarvi e sintonizzarvi con chi guida. Per una donna forte, è una gioia abbandonarsi a un altro.

Personalmente mi capita ad ogni serata (signori uomini, alzate la mano se mi capite!) di avere tra le braccia dei pesciolini guizzanti impossibili da controllare. E provaci a far eseguire un paio di tecniche semplicissime se l’unica cosa cui queste donzelle aspirano  è quello di muoversi, muoversi, muoversi. A tempo o meno. Ricordate ragazze: se volete essere ballerine ambite imparate ad ascoltare e ad essere empatiche.

CONSIGLIO NUMERO 2: FREQUENTATE LE PRATICHE.

Frequentare delle classi di gruppo, fare amicizia con uomini e donne in circostanze dove la condivisione è la regola aiuta, e molto: il locale, da solitaria è spesso difficile da affrontare. Ecco perché io ho istituzionalizzato la Pratica Guidata nei programmi Ballando System.

CONSIGLIO NUMERO 3: STATE A BORDO PISTA.

Mettetevi per un attimo nei panni di noi cavalieri: invitare una donna che sta seduta, magari in compagnia, a un tavolo lontano dalla pista non è facilissimo, in quella posizione un rifiuto appare più vistoso.

Se volete aumentare in modo considerevole le probabilità di essere invitata, quando vi va alzatevi e portatevi a bordo pista. Vedrete che qualche cavaliere si muoverà verso di voi con la mano stesa.

CONSIGLIO NUMERO 4: INVITATE!

Il mio consiglio numero 4 può apparire banale e scontato ma alla fine dei conti è il più efficace di tutti: fate voi il primo passo.

Anche se rifiutare un ballo è legittimo personalmente non ricordo di averlo mai fatto. Se un uomo ha un minimo sindacale di galanteria NON rifiuta un invito di una donna. Quindi, coraggio ragazze! Siamo nel 2018, invitate! 😊

Ecco, questi sono i miei 4 migliori consigli per non rimanere nell’angolo come temeva anche Baby, quanto al rifiuto, (voglio darvi una dritta anche per quello) non esiste purtroppo un modo spiritoso per dire di no.

Meglio non guardare negli occhi quelli con cui NON si vuole ballare. Tipo la metropolitana di New York: mai fare eye contact se la persona non ti piace.

Let’s dance!

Sergio